21 Settembre 2011

Da una parte e dall'altra della Linea Verde


La campagna “Palestine State 194” e’ partita. Oggi,  in una piazza centrale di Ramallah, studenti e dipendenti pubblici (scuole e uffici chiuderanno appositamente i battenti) si raccoglieranno per esprimere il loro sostegno alla richiesta che il presidente Abu Mazen si appresta a presentare al Segretario generale dell’Onu, Ban Ki Moon: riconoscere l’Autorità Palestinese come 194esimo stato delle Nazioni Unite.

Venerdì 23 settembre, a TV7, la rubrica di approfondimento del Tg1,  mio reportage su “Linea verde”: scene di vita quotidiana da un lato e dall’altro della linea che marca i cosiddetti “confini del ’67”, ovvero la linea dell’armistizio tra Israele e Giordania tracciata nel 1949.

Racconterò  tre casi emblematici: Gerusalemme, col suo nuovo “treno leggero” che unisce la parte est a quella ovest della città; Bartha, un villaggio arabo che per una beffa della storia e’ tagliato in due da un confine invisibile; Sansana, una piccola comunità religiosa ebraica nata sul lato israeliano e sviluppatasi dall’altra parte.

Nonostante Israele abbia fatto di tutto per cancellare i segni fisici dei confini del ’67,  44 anni dopo, la linea verde ancora determina il tipo di amministrazione (civile o militare) e lo status di chi vive da una parte o dall’altra.


Commenti

Commenti temporaneamente chiusi, ma puoi lasciare un trackback dal tuo sito.

I commenti sono chiusi.