Archivio 'News'

2 Marzo 2010

Ichpati (partecipe)

Il telefonino suona con insistenza… “Suzane, Agenzia viaggi”, mi informa la scritta sullo schermo. Suzane e’  l’angelo senza volto che da qualche  mese cerca di coniugare le ferree leggi di Alitalia e El Al con la mia anarchica vita. In altre parole, e’ la persona che  raccoglie i miei sos, dettati da “esigenze di …

4 Febbraio 2010

Berlusconi amico di Israele piace anche al presidente Abu Mazen

di

Claudio Pagliara

Gli antiberlusconiani storceranno il naso, e ancor di più i nostalgici filo palestinesi ad oltranza. Eppure, né l’affermazione netta  del diritto di Israele a difendersi dal lancio di razzi di Hamas, né l’accoglienza fuori del comune tributata dalla Knesset al premier italiano Berlusconi, hanno rabbuiato il volto del Presidente palestinese Abu Mazen, che ieri a Betlemme gli ha riservato un’accoglienza calorosa.

12 Gennaio 2010

L’Egitto alza il “muro di Gaza” ma Hamas continua a sparare su Israele

di

Claudio Pagliara

Dopo la sconfitta del gennaio 2009, Hamas è sulla difensiva. Ha perso la sua popolarità e deve scegliere se proseguire nella riconciliazione di facciata con Fatah – sotto la supervisione dell’Egitto, che intanto alza un Muro al confine con Gaza – oppure se continuare a lanciare missili contro Israele, provocando una nuova guerra nella Striscia.

23 Dicembre 2009

L’Europa risponde con intransigenza al pragmatismo di Netanyahu

di

Claudio Pagliara

Il premier Netanyahu ha dato prova di grande pragmatismo. Trattando con Hamas per liberare Shalit, accettando la creazione di uno stato palestinese e il congelamento di nuove costruzioni negli insediamenti. In cambio, l’Europa ha definito Gerusalemme Est "un territorio occupato", mentre in Gran Bretagna un tribunale emetteva un mandato di cattura per l’ex ministro Tzipi Livni e il ministero dell’alimentazione inaugurava il boicottaggio dei prodotti israeliani.

7 Dicembre 2009

Gli insediamenti sono il punto più basso dei rapporti fra Europa e Israele

di

Claudio Pagliara

La presidenza dell’UE prepara una bozza di risoluzione che  sembra copiata con carta carbone da un documento palestinese, sui confini del ’67. I rapporti tra Europa e Israele hanno toccato uno dei punti più bassi rendendo impossibile la vita a Netanyahu. All’ingresso di Ofra, uno degli insediamenti, i coloni che fino a ieri si fidavano ciecamente del premier gridano: “Bibi: Arabs in, Jews out”

24 Settembre 2009

Per gli Usa il problema non sono gli insediamenti di Israele ma l’Iran

di

Claudio Pagliara

La posizione cauta espressa dagli Usa sugli insediamenti di Israele, al vertice di New York, è uno dei primi segnali del cambio di rotta di Obama in Medio Oriente. Ma il banco di prova resta l’Iran. E’ tempo che il presidente americano rompa gli indugi e promuova delle sanzioni più incisive contro un regime che minaccia non solo Israele, ma anche gli alleati arabi degli Stati Uniti.

26 Marzo 2009

La scelta di Barak è la Waterloo dei laburisti ma un bene per Israele

di

Claudio Pagliara

Due giorni fa Ehud Barak  ha spiegato alla convention laburista perché ha deciso di entrare nel governo Netanyahu. La sinistra è uscita sconfitta dalle urne e non c’è futuro  in un’opposizione guidata dalla Livni. Netanyahu e Barak hanno invece l’esperienza militare per affrontare la più grave minaccia all’esistenza di Israele: l’Iran.