25 Maggio 2011

Netanyahu, al Congresso una vittoria di Pirro? - L'Occidentale


Su l’Occidentale, il mio commento al discorso di Benjamin Netanyahu al Congresso americano.

Per andare all’articolo, clicca qui . Di seguito il testo

Gerusalemme. “Il Congresso sionista” ironizza Yedioth Ahronoth, il più letto quotidiano israeliano. Durante il suo discorso al Congresso degli Stati Uniti, Benjamin “Bibi” Netanyahu è stato applaudito 45 volte e la platea gli ha reso onore scattando in piedi 31 volte, registrano i cronisti. Se le stesse parole le avesse pronunciate alla Knesset, sarebbe stato interrotto sì, ma dai fischi dei deputati arabi, alcuni dei quali parlano come i leader di Hamas, dalle rimostranze dei rappresentanti dei coloni, furiosi per l’ammissione del premier che “alcuni insediamenti resteranno al di là dei confini di Israele”, dai mugugni dei partiti religiosi, per quella disponibilità “a soluzioni creative” su Gerusalemme, anche se offerta nel contesto della ferma determinazione a non dividere mai la città santa. Il contrasto tra le assise parlamentari dei due Paesi è balenato nella mente del premier israeliano, che rivolto ai deputati statunitensi ha detto loro: “Pensate, guys, di essere duri, gli uni verso gli altri, qui al Congresso? Venite per un giorno alla Knesset. Siete miei ospiti”.

L’accoglienza è stata calorosa e bipartisan ma non unanime. Il potente Presidente del Comitato per le Relazioni Estere, John Kerry, uno dei più vicini collaboratori del Presidente Obama, non solo non si è affatto spellato le mani, ma quando il premier ha rivendicato come vitale per Israele la permanenza dell’esercito lungo la valle del Giordano, è rimasto ostentatamente seduto mentre la gran parte dei suoi colleghi tributava all’oratore l’ennesima standing ovation.

Netanyahu ha ribadito il suo sì ad uno Stato palestinese demilitarizzato, si è detto pronto ad una offerta territoriale “generosa”, ha citato le parole di Obama a metà, per affermare che i confini tra Israele e il futuro Stato palestinese “non saranno quelli del 5 giugno 1967”, tacendo sul fatto che per il Presidente Usa quei confini dovrebbero essere la base per il negoziato. Ha infine lanciato il guanto di sfida al Presidente Mahmoud Abbas, chiedendogli di riconoscere lo Stato ebraico di Israele e di strappare l’accordo con Hamas.

Scontato il no dell’Autorità palestinese e quello, che arriverà nelle prossime ore, della Lega Araba. Il processo di pace non solo è defunto; è chiaro a tutti che non risorgerà dalle ceneri tanto presto. Il premier israeliano non ha voluto varcare alcun Rubicone, convinto com’è che lo status quo, per quanto non sia il migliore dei mondi possibili, è nelle attuali circostanze più difendibile delle linee del ’67, cui ha fatto riferimento esplicito Obama. Qui risiede la divergenza di fondo tra Gerusalemme e Washington. Obama è andato nella “tana del lupo”, l’Aipac, per dire che “lo status quo non è più sostenibile”, alla luce dei cambiamenti in atto in Medio Oriente. Ha snocciolato una lista di rischi che Israele ha di fronte se non risolve il suo conflitto con i palestinesi. Ha aggiunto di essere consapevole che una parte degli 11mila delegati della lobby americana filo israeliana non la pensa allo stesso modo, implicitamente annoverando nella lista lo stesso Netanyahu.

Davanti al Congresso, Netanyahu ha dimostrato di essere uno dei leader più abili nell’oratoria. Ma rientra  in patria, lasciando dietro di sé un Obama adirato e i cocci di un processo di pace che nessuno sembra più disposto a tentare di mettere insieme. Vero è che il Presidente Usa si è  impegnato a contrastare il tentativo dei palestinesi di isolare Israele alle Nazioni Unite, ma ha avuto da Netanyahu ben poche carte da spendere con gli alleati europei, che incontra in queste giorni. A settembre, quando Mahmoud Abbas porterà all’Assemblea delle Nazioni Unite, sapendo di disporre di una maggioranza automatica, la richiesta di riconoscimento dello Stato palestinese entro i confini del ’67, la differenza per Israele la farà il voto di alcuni Stati europei chiave, primi fra tutti Gran Bretagna, Francia e Germania. Le prossime settimane diranno se le aprture di Netanyahu saranno state sufficienti a conquistare questi Paesi.

E dopo settembre, arriverà ottobre. Crescerà l’isolamento di Israele? Riprenderanno a piovere copiosi i razzi di Hamas? La Facebook generation marcerà verso i check point? Col Medio Oriente che corre verso l’ignoto, Israele per ora ha scelto di giocare sulla difensiva, dando la sensazione di aver  rinunciato a influenzare il corso degli eventi. Per Netanyahu gli applausi di ieri sono una indiscutibile vittoria, che rischia però di avere ben presto il sapore di quella di Pirro.


Commenti

Commenti temporaneamente chiusi, ma puoi lasciare un trackback dal tuo sito.

7 risposte a “Netanyahu, al Congresso una vittoria di Pirro? – L’Occidentale”

  1. annita vivanti ha detto:

    Io mi auguro fortemente che non diventi una vittoria di Pirro,non sono una diplomatica,non sono una politica e vorrei la pace anche io..ma come si può fare la pace con gruppo terrorista che nella sua carta costituzionale c’è scritto: morte a tutti gli ebrei e la distruzione dello stato d’Israele???

  2. Danielle Sussmann ha detto:

    Caro Claudio, Netanyahu era “armato” della lettera-documento del 2004 di Bush a Sharon “67 plus” approvata all’unanimità dal Congresso degli Stati Uniti. Ne ha ribadito l’implicita importanza e il Congresso l’ha risottolineato. Il Canada ieri si dissociava da Obama sul ritorno di Israele ai confini pre-5 giugno 1967. Sempre ieri, Obama ha ribadito che gli Stati Uniti si sarebbero opposti con il loro veto al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite sullo stato unilaterale palestinese. La maggioranza automatica dell’Assemblea delle Nazioni Unite darà un pessimo ma mero valore simbolico con i suoi già 60 Paesi ostili ad Israele. Il Christian Science Monitor informava che Obama nel suo giro europeo avrebbe argomentato per chiedere esplicitamente agli europei di non votare per uno stato unilaterale palestinese all’ONU. Forse Obama sta staccandosi dall’influenza dei Carter-Brzezinsky-Kerry…anche se questo dovesse costare il prezzo delle dimissioni di Netanyahu come Primo Ministro di Israele? E’ già successo – per motivi più o meno similari – al tempo di Reagan quando si andò ad elezioni e Rabin diventò PM. Ma rimane la sostanza della validità dei punti sostenuti da Netanyahu, cioè di Israele, chiunque sia il suo PM.

  3. Claudio ha detto:

    Cara Anita, nessuno ha suggerito che Israele dovrebbe trattare con Hamas. Personalmente, credo Netanyahu debba riprendere l’iniziativa diplomatica invece di subirla. E non sono il solo a crederlo. Un sondaggio odierno sostiene che il 57 per cento degli israliani ritengono che il premier avrebbe fatto meglio di dire ad Obama: sì, ma… come Sharon fece con Bush sulla Road Map.

  4. annita vivanti ha detto:

    Grazie Claudio…rimani sempre il mio giornalista preferito e ti leggo sempre con piacere,sei obbiettivo e non fazioso…quello che molti giornalisti dovrebbero essere e non lo sono,ti auguro il massimo…successo e che il tuo lavoro ti dia sempre soddisfazioni,te le meriti..a proposito,mi piace molto quel..si,ma…Sharon è stato un grande statista peccato che se ne sono accorti troppo tardi…un abbraccio Annita.

  5. Tropikla ha detto:

    Io penso che Israele abbia una carenza in comunicazione. Solo adesso Bibi comincia a martellare al mondo il fatto che i palestinesi NON vogliano riconoscere Israele, ed a farne un punto essenziale per le negoziazioni di pace. Quando quest’argomento è ribadito, sbandierato e spiegato, la gente comune non puo’ obiettivamente negarlo né invalidarlo, anche se a mezza bocca e col sorriso di traverso. Loro (i palestinesi) hanno puntato tutta la loro comunicazione sugli insediamenti, sul “colonialismo” degli ebrei -quando in fondo, i colonizzatori sono loro -, mentre Obama sta nell’urgenza frustrata di meritarsi il Nobel a credito che ha ricevuto. Israele li ha lasciati per troppo tempo diffondere questa immagine di stato capriccioso che si impunta e blocca il processo di pace. Quante volte, la gente che conosce superficialmente questo conflitto ti risponde : “ehhh pero’ Israele ESAGERA”… Adesso si deve assolutamente ribaltare questa immagine e riportare e diffondere la verità NUDA e CRUDA: che cosa vuoi trattare con uno che ti vuol veder morto? Deve far prendere coscienza al mondo che il primo gesto verso la pace è la riconoscenza reciproca e ufficiale delle parti. Senno’ non c’è processus di pace, ma solo chiacchiere.

  6. Mara Marantonio ha detto:

    Caro Claudio, non sono un’esperta politica, ma ritengo che Netanyahu abbia fatto bene a ribadire certi principi di fondo. Gerusalemme, capitale una e indivisibile di Israele -contro chi, anche tra gli israeliani, penserebbe, a cuor leggero, di dividerla- sì ad uno Stato palestinese demilitarizzato -altre soluzioni non sono ora proponibili, ahimé-, ma non sui cosiddetti confini del 1967 -espressione, quest’ultima, cara a tanti, a cominciare dagli scrittori israeliani, qui poco lucidi-, in realtà semplici linee armistiziali del 1949, causa della Guerra dei Sei Giorni. Iniziative diplomatiche? Mah. Quando hai di fronte, non importa se ANP o Hamas, chi mente in modo spudorato e non è mai cambiato in oltre 60 anni, mi domando quali iniziative si potrebbero mettere in campo. Magari Bibi, o chi per lui al suo fianco, trovasse un’idea in grado di superare l’impasse, che indubbiamente c’è e si sente. Certo gli USA, oggi, non aiutano.
    Un abbraccio affettuoso.
    Mara

  7. Claudio ha detto:

    Cari Tropikls e Mara, e’ Israele a dire che con Abu Mazen si può’ trattare, non io. Significa che l’establishment riconosce quello che vui non volete vedere: che un accordo e’ possibile. Il fatto che non si sia ancora raggiunto non deve indurre a desistere. Del resto, lo status quo e’ insostenibile non solo per i palestinesi ma ancor di più’ per Israele, che vuole restare uno stato ebraico e democratico. Non a caso, ogni primo ministro, da Rabin in poi , si e’ detto disposto a concessioni pur di raggiungere un’intesa. La mia garbata critica si limita alla mancanza di coraggio di Netanyahu, che subisce l’iniziativa dei palestinesi , invece di tirare dal cilindro un asso che sparigli le carte. Un affettuoso saluto.