Archivio 'Fashion'

Finestra sull’Oriente: il mio buongiorno
24 Maggio 2018

Il mio buongiorno: In Cina la borsetta la porta il maschio

Il mio buongiorno: In Cina la borsetta la porta il maschio.

Il mio buongiorno: In Cina la borsetta la porta il maschio

Protpio così! Per noi maschietti italici di vecchio stampo e’ un tabù . E anche per le signorine con cui ci accompagniamo: da noi chi toccasse  la borsetta della fidanzata, finirebbe dritto dritto nella lista di “Me too”. Ma in Cina e’ un obbligo accollarsi la borsetta della ragazza., almeno  tra i figli del miracolo economico. Se un ragazzo esce con la ragazza, non deve aprirgli la portiera dell’auto ne’  offrirle la cena ma deve assolutamente portarle la borsetta.

Che sia Gucci , Luis Vitton o un fake più o meno simile all’originale poco importa. Affidare la propria borsetta al ragazzo per l’altra metà del cielo e’  un atto d’amore. Se poi i due fidanzati  si amano  tanto  ma proprio Tanto, indosseranno – altro tabù italiano violato  –  gli stessi identici vestiti.

Capite bene lo choc culturale di un uomo italianissimo come me…

Aiuto!

News
3 Luglio 2010

Fashion show a Ramallah

Ramallah, la Beirut della Palestina? Sembrerebbe proprio la strada imboccata dalla citta’ “sede provvisoria”, come si dice in politically correct,  dell’Autorità’ Palestinese. Ieri sono stato invitato  al “Night Gala”  organizzato dal ristorante lounge piu’ chic della citta’, Orjuwan.  Tra  due file di tavoli,  nastri bianchi delimitavano una passerella. 

Il primo Fashion show della storia di Ramallah ha visto protagoniste una diecina di modelle palestinesi alle prime armi, anche se un paio  hanno mostrato di avere i numeri per fare strada.  

Regista della serata,  Samar Daםud, proprietaria dell’omonima boutique, che ha fornito i vestiti indossati dalle modelle. La moda italiana ha fatto la parte del leone. 

Sotto la guida del presideete Abu Mazen e del premier Salam Fayyad, Ramallah fiorisce. Sotto il tallone del movimento islamico Hamas, Gaza invece perisce. Ad Orjouan ho incontrato un collega di un network arabo. L’avevo conosciuto a Gaza. “Sono fuggito, 4 mesi fa, con tutta la famiglia – mi dice -. Li’ la vita e’ impossobile. Quando esci con la tua ragazza, devi portare sempre con te il certificato ufficiale di fidanzamento per  mostrarlo ogni volta che un poliziotto ti ferma, altriemnti passi i guai”. Viva il Fashion show, viva Ramallah, sempre piu’ liberale.