Archivio 'Trump'

4 Luglio

Corea del Nord provoca, le tre opzioni di Trump


La Corea del Nord annuncia di aver sperimentato con successo un missile balistico intercontinentale. Il lancio avvenuto stamani alle 930 ora locale.alla presenza di Kim jong un. Una provocazione contro il presidente statunitense Donald Trump proprio nel giorno in cui gli Stati Uniti celebrano l’indipendenza.
Che si tratti del più minaccioso missile mai lanciato da Pyongyang lo conferma anche un esperto statunitense, David Wright: “Se fosse stato lanciato con la corretta traiettoria, avrebbe percorso 6700 chilometri e raggiunto lo Stato americano dell’Alaska”.
La televisione nordcoreana spiega invece che per è stata scelta volutamente la traiettoria più verticale possibile, per non creare problemi agli Stati vicini – bontà sua. Il missile ha percorso 930 chilometri, raggiungendo un’altezza massima inusuale, di 2800 chilometri, per inabissarsi nelle acque del mar di Giappone.
La prima reazione di Trump affidata a un tweet: “Forse ora la Cina premerà con maggior vigore sulla Corea del Nord affinché ponga fine una volta per tutte a questa assurdità”. Pechino, che vede col fumo negli occhi la possibilità di conflitto alle porte di casa, per ora getta acqua sul fuco, invitando tutti alla calma. Coro di condanne da parte del Giappone e della Corea del Sud, i Paesi in prima linea. Il dossier Corea del Nord finità col monopolizzare i lavori del G-20 di Amburgo, in programma il 7 e l’8 luglio.
La Corea del nord ha intensificato il lancio di missili balistici, nonostante i ripetuti altolà del consiglio di sicurezza dell’Onu. Il test di oggi è l’undicesimo dall’inizio dell’anno. Finora però non aveva mai sperimentato un missile balistico in grado di colpire gli Stati Uniti. Per Trump la crisi internazionale più grave della sua presidenza. Negli ultimi giorni, è tornato a criticare Pechino ,che a suo dire non farebbe abbastanza. Ha ribadito che la pazienza è finita.
Le opzioni allo studio sono tre:
1) maggiore pressione sulla CIna, per spingerla a fare ciò che finora si è rifiutata, mettere con le spalle al muro l’alleato, strangolandolo economicamente.
2) una rappresaglia militare, da compiere rapidamente, già nelle prossime ore, per distruggere simbolicamente alcune infrastrutture militari.
3) un’operazione di grande ampiezza che riporti di parecchi anni indietro le lancette del programma nucleare e balistico nordcoreano. Opzione questa che vedrebbe il coinvolgimento di Corea del Sud e Giappone; produrrebbe un bilancio altissimo di vittime; rischierebbe di trascinare nel conflitto anche la Cina.

Servizi su Tg1, Tg2, Tg3, Rai News

21 Aprile

Prodi “La soluzione della crisi della Nord Corea passa per Pechino”

Nord Corea

Nord Corea Intervista con Romano Prodi

Nord Corea: Claudio Pagliara e Romano Prodi

Nord Corea al centro delle preoccupazioni di Romano Prodi. L’ex premier in qualità di membro del Comitato scientifico del Torino World Affairs Institute, è in questi giorni a Pechino. E’ stato  invitato del Center for Mediterranean Area Studies della Pekin University. Nell’intervista che mi ha concesso sostiene che le chiavi per sbloccare la crisi della Nord Corea ce le ha Pechino. Dice inoltre e che un accordo tra la Cina di Xi Jinping  e gli Stati Uniti di Trump  è possibile.

L’ex presidente del Consiglio, profondo conoscitore della Cina, mi ha anche parlato  anche delle occasioni sprecate dall’Italia nei riguardi di Pechino. L’ultima riguarda il nodo dei porti. L’incapacità italiana di formare due poli portuali forti ha spinto la Cina a scegliere il porto del Pireo come terminale europeo della nuova Via della seta.

Il 15 maggio a Pechino il presidente cinese Xi Jinping ha convocato una Conferenza internazionale sulla Via della seta. Vi parteciperanno 28 capi di governo tra cui il premier Gentiloni. Secondo Prodi, Gentiloni fa bene a partecipare a questa conferenza perché bisogna dare il segno che l’Italia c’è e capisce l’importanza dell’iniziativa.

Per vedere il servizio si Rainews , clicca sul link in basso.

http://www.rainews.it/dl/rainews/media/Crisi-Usa-Nord-Corea-Prodi-La-soluzione-di-tutto-passa-per-la-Cina-8dc866d7-3fc5-4387-acc7-5dfba8ee8166.html